Brunello di Montalcino

etichetta brunello montalcino

è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata e Garantita  prodotto in Toscana, nel territorio del comune di Montalcino in provincia di Siena.

Caratteristiche organolettiche:

  • * Colore: rosso rubino intenso tendente al granato
  • * Odore: caratteristico ed intenso, con richiamo ad aromi di geranio, ciliegia e spezie
  • * Sapore: asciutto, caldo, un po’ tannico, robusto, armonico, persistente
  • *  Grado alcolico: la gradazione minima è di 12,5º
  • * Stato: Italia

Vitigni con cui è consentito produrlo:

  • * Sangiovese: 100%

Zona di produzione

  • * Montalcino

Zona geografica

Il territorio di produzione si trova nella Toscana sud-orientale e ha una superficie complessiva di 243,62 chilometri quadrati, è delimitato dalle valli dei tre fiumi Orcia, Asso e Ombrone. L’area così definita (15 chilometri di lato) si sviluppa in altezza dal livello di circa 120 metri sul livello del mare lungo i fiumi, fino a circa 650 metri a ridosso del Poggio Civitella che è il punto più alto del territorio.

Riconoscimento: DOCG dal 30/11/2011

Denominazioni:

  • * “Riserva” se immesso al consumo successivamente al 1º gennaio dell’anno successivo al termine di 6 anni, calcolati considerando l’annata della vendemmia, fermo restando il minimo di 2 anni di affinamento in contenitori di rovere, ma di almeno 6 mesi in bottiglia.

Fasi produttive

  • * Terreni: geocronologicamente attribuibili ad un intervallo di tempo che va dal cretaceo al pliocene
  • * Giacitura: collinare
  • * Altitudine: non superiore a 600 metri slm
  • * Esposizione: adatta ad assicurare un’idonea maturazione delle uve
  • * Densità impianti: non inferiore a 3 000 ceppi/ha
  • * Allevamento consentito: quelli generalmente usati, è vietata ogni pratica di forzatura
  • * Operazioni di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento: solo zona DOCG
  • * Invecchiamento: periodo di affinamento di almeno 2 anni in contenitori di rovere e di almeno 4 mesi in bottiglia, e non può essere immesso al consumo prima del 1º gennaio dell’anno successivo al termine di 5 anni calcolati considerando l’annata della vendemmia
  • * Bottiglie: di tipo bordolese, di vetro scuro e chiuse con tappo di sughero, di una delle seguenti capacità: litri 0,375 – 0,500 – 0,750 – 1,500 – 3,000 – 5,000.

bicchieri nel brunello

Abbinamenti consigliati

Cibi:

  • * carni rosse
  • * selvaggina da penna e da pelo accompagnate con funghi e tartufi
  • * piatti della cucina internazionale a base di carni o con salse
  • * tome stagionate
  • * formaggi strutturati e pecorino toscano

Per sere da meditazione


Servizio

  • * Bicchieri: ampi
  • * Temperatura: dai 18 ai 20 °C.

Cenni storici

il Brunello di Montalcino “moderno” è invenzione della famiglia nobiliare Biondi Santi, ma già nel Medioevo gli statuti comunali regolamentavano la data d’inizio vendemmia del Brunello, anche se fino alla seconda metà dell’Ottocento, il vino più conosciuto ed apprezzato della zona era un vino bianco dolce, il Moscadello di Montalcino. La prima citazione scritta di un vino chiamato Brunello avvenne nel 1869, quando Clemente Santi vinse due medaglie d’argento per il suo “vino rosso scelto (Brunello) del 1865” alla Fiera Agricola di Montepulciano. Dopo il 1950 la fama del Brunello di Montalcino si estende prima in Italia e poi all’estero.

 



Unisciti ai nostri iscritti!