L’estate 2016 del vino è Rosé,  Pink mode.

rosè

Il vino Rosè fa tendenza ed è apprezzato per la sua versatilità, freschezza, colore e piacevolezza, oltre alla naturale flessibilità di abbinamento, che lo rende adattissimo a un aperitivo come a un veloce spuntino. Se di qualità, non ha nulla da invidiare agli altri vini e consente di esaltare preparazioni per le quali sia un vino bianco sia un vino rosso possono alterare l’armonia dell’insieme.

Ecco qui, per stuzzicare la Vostra curiosità, due varietà di Rosè dei quali vi invitiamo, leggendo le nostre descrizioni e impressioni, a identificarne identità e vitigni:

* il primo ammalia per il suo colore, un rimando alla rosa peonia, inimitabile. Al contatto con il vetro, si presenta con una spuma fitta ed evanescente e delle bollicine nervose e sottili, sinonimo di notevole freschezza. In bocca si sentono piccoli frutti di sottobosco che fanno da supporto a un aroma assolutamente riconoscibile ad identificarne il vitigno;

* l’altro è un vino in cui le due anime espresse nei fenotipi parentali trovano la loro sublimazione nell’ elegante fusione di aromi e gusti, distinguendosi per un carattere allo stesso tempo deciso e delicato. Ampiezza di bocca, morbidezza, lunghezza e persistenza gustativa le principali caratteristiche riscontrabili.

Risultano entrambi adatti ad ogni circostanza, si esaltano negli ambienti esterni grazie alle proprie tonalità allegre che si combinano con la luminosità del sole per uno spettacolo per gli occhi e per il palato.

 

Di seguito, per chi non ha voglia di giocare, una lista non esaustiva di 10 Rosè all’insegna dell’Estate 2016:

lista Rosè

1. Berlucchi 61

Colore rosa brillante e note di frutti di bosco, questo è il risultato dell’unione di Pinot Nero e Chardonnay. Bollicine fini e persistenti, in bocca è elegante, stuzzicante, ma non invadente. Per sconfiggere il caldo dei pranzi estivi.

2. Antica Fratta – Essence Rosé

Si presenta con un colore rosa antico leggermente tendente al salmone. Profumi di frutti rossi maturi, le bollicine preannunciano un pomeriggio piacevole da passare sotto un pergolato, in compagnia.

3. Mario Gatta – Era

Un Franciacorta che esce fuori dai canoni. Solo Pinot Nero, dosaggio zero, vendemmia 2003. Dopo 3 anni in vasca rimane sui propri lieviti per ben 120 mesi. Insolito, d’impatto, per passare un dopo cena meditativo.

4. Masseria Altemura – Rosamaro

Negramaro vinificato in Rosé con il metodo Charmat. E’ delicato, ma con personalità. Un bel colore brillante buccia di cipolla, dai profumi di mela e di frutti rossi si fondono con i sapori floreali e leggermente salini, che fanno pensare ad un momento di pausa in riva al mare con un piatto di crudité o di ricci.

5. D’Araprì

Fusione riuscita di Montepulciano e di Pinot Nero. E’ intenso e fragrante al naso, sapido ed equilibrato in bocca, colore buccia di cipolla brillante. Da sorseggiare durante un concerto di mezza-estate.

6. Vigne del Patrimonio –  Alarosa

Un brut Rosé Metodo Classico. Pinot Nero al 100%, rosato tenue, leggeri profumi di rosa, rimane molto delicato in bocca.

7. Valdo – Special Edition “Floral”

Spumante Rosé extra dry, eclettico come la bottiglia che lo contiene, da offrire alle signore.

8. Kettmeir

Pinot Nero al 100%, per chi pensa ad una serata con gli amici, da passare intorno al tavolo all’aperto, chiacchierando, bevendo e ridendo. E l’armonia del gusto pieno, con le note di lamponi, e il perlage fine e persistente, aiutano la serata ad acquisire le note maliziose.

9. Puiatti – Metodo Classico

Appena versato nel bicchiere, colpisce l’olfatto con note minerali, quasi di petrolio. Dopo poco l’effetto brutale svanisce, e il profumo diventa elegante. In bocca rimane minerale e persistente. Da gustare con salumi tagliati a coltello.

10. Zucchi – Lambrusco di Sorbara

Gradevole grazie alla seconda fermentazione che avviene direttamente in bottiglia e il successivo affinamento sui propri lieviti che rimangono sul fondo. Rosa intenso, carico, color sorbetto di frutti di bosco, regala una sensazione di freschezza straordinaria al naso e di una bocca appagata e pulita. Da bere in famiglia, conviviale.


Sono davvero tante le espressioni dei Rosé, da quelli più floreali o più fruttati dalle note di lampone o di ciliegia, agli austeri dalla grande energia per finire con gli ammalianti. La bevibilità e la versatilità di questa categoria è incredibile: potete sorseggiarli con formaggi freschi, ortaggi grigliati, focacce, panzerotti fritti e pizzette, tapas di pesce o con i salumi.

A Voi gustarli!

Unisciti ai nostri iscritti!