Rossi freschi

per palati che osano

rosso estate

Ci sono alcuni vini rossi che in estate ma anche nelle altre stagioni andrebbero proprio bevuti freddi, alla temperatura di qualche vino bianco, diciamo tra i 10 e i 12 gradi. Da tenere in frigo oppure da mettere un po’ in frigo prima di essere consumati.

Anche se spesso caldo e umidità portano il sorso verso il mondo dei vini bianchi o le bollicine, anche i vini rossi possono essere bevuti freschi, a volte anche freddi. Vini con caratteristiche particolari con misurata corposità, non intensamente colorati, immediati nella loro risposta organolettica, piacevolissimi al palato e facili da bere.

Vini che devono avere:

  • * una bassa gradazione alcolica
  • * una  struttura leggera e accattivante
  • * non troppi tannini ( il freddo ne aumenterebbe il grip amaricante.).

Ottimi da pasto o da aprire in vista di una buona merenda.

Alcuni  vitigni “principi” per questa tipologia sono:

  • * grignolino
  • * schiava
  • * corvina (Bardolino)
  • * pinot nero

In generale sono vini che si presentano così :

  • alla vista, colore rosso rubino con lampi violacei
  • al naso, piacevoli aromi di fiori e di piccoli frutti rossi
  • in bocca, perfettamente equilibrati e armonici, si dipanano fra una piacevole freschezza e una lunga persistenza, delicatamente tannici

Come

Ottimi per gli aperitivi estivi, assolutamente indicati per sushi e sashimi, piatti a base di pesce e verdure. Possono essere perfetti anche come scelta da abbinare alla ricca e versatile proposta di frutta estiva.

rosso estate compagnia

Attimi

A ciascun attimo, il suo vino.

Vini che possono essere evocativi, parlare di estate, di mare, di amicizia, di risate, di convivialità.

Per generare emozione, immortalare un ricordo, stimolare una reazione, dipingere nella memoria un momento e associarlo a un’immagine che stimola piacere.

Unisciti ai nostri iscritti!